Galastop*Os Soluz 24ml Gocce Os/Liquido Os

Principio attivo: Cabergolina

Forma: Gocce Os/Liquido Os

Fornitore: Ceva Vetem Spa

Conservazione: A TEMPERATURA AMBIENTE

Degrassi: Specialita' Medicinali Veterinarie Con Prescrizione Medica

Categoria merceologica: FARMACO VETERINARIO

Confezione: FLACONCINO CONTAGOCCIE

Prodotto In Commercio

Galastop*Os Soluz 24ml

Foglietto illustrativo - Bugiardino

Il foglietto illustrativo e la relativa posologia di questo prodotto sono indicazioni generali, soggette a cambiamenti. Vi consigliamo di rivolcervi sempre al vostro medico di cura per un utilizzo appropriato

Denominazione

GALASTOP

Categoria Farmacoterapeutica

Inibitori della prolattina.

Principi Attivi

Cabergolina 50 mcg/ml.

Eccipienti

Q.b. a 1 ml.

Indicazioni

TRATTAMENTO DELLA FALSA GRAVIDANZA NELLA CAGNA: l'inibizione della secrezione della prolattina da parte della cabergolina si traduce in unarapida risoluzione delle manifestazioni cliniche della pseudogravidanza (lattazione e comportamento anomalo). SOPPRESSIONE DELLA LATTAZIONENELLA CAGNA E NELLA GATTA: la soppressione della montata lattea nellacagna e nella gatta puo' essere necessaria qualora si svezzino precocemente i cuccioli o dopo la rimozione della cucciolata subito dopo il parto. L'inibizione del rilascio di prolattina comporta una rapida cessazione della lattazione ed una conseguente riduzione del volume mammario. La sospensione della secrezione lattea puo' prevenire l'insorgenzadi complicazioni a carico della mammella (mastite). COADIUVANTE NELLATERAPIA DELLA ECLAMPSIA E DELLA MASTITE CON SECREZIONE LATTEA IN ATTONELLA CAGNA E NELLA GATTA.

Controindicazioni/Eff.Secondar

Non usare in animali gravidi in quanto puo' causare aborto. Non utilizzare con antagonisti della dopamina. La cabergolina puo' indurre ipotensione transitoria. Non usare in animali trattati contemporaneamente con medicinali veterinari con attivita' ipotensiva. Non usare subito dopo un intervento chirurgico, se l'animale e' ancora sotto effetto dell'anestesia.

Uso/Via Di Somministrazione

Orale.

Posologia

Cagne: 0,1 ml/kg p.v. pari a 5 mcg/kg p.v. Gatte: 0,5-1 ml/capo. Somministrare 1 volta al di' per 4-6 giorni a seconda della gravita' del quadro clinico. Qualora si verificassero fenomeni di ricaduta i soggettipossono essere ritrattati in accordo alle modalita' d'uso precedentemente indicate. Il prodotto puo' essere somministrato direttamente nelle fauci dell'animale oppure mischiato ad un boccone dell'alimento abituale, utilizzando il dosatore graduato inserito nelle confezioni.

Conservazione

Proteggere dalla luce. Conservare in un luogo asciutto. Periodo di validita' dopo prima apertura del condizionamento primario: 12 giorni.

Avvertenze

Il prodotto deve essere somministrato con cautela in soggetti con grave affezione cardiovascolare, malattie epatiche, insufficienza renale,ulcera peptica o emorragie gastroenteriche. Prima della somministrazione bisogna accertarsi che non sia in atto una gravidanza. Precauzionispeciali per chi somministra il prodotto agli animali: evitare il contatto con la cute e con gli occhi. Donne in gravidanza o in eta' riproduttiva devono somministrare il medicinale veterinario con cautela. Sovradosaggio: in caso di sovradosaggio il primo sintomo a comparire e' il vomito. Incompatibilita': in assenza di studi di compatibilita', nonmiscelare con altri medicinali veterinari. Evitare di miscelare la soluzione oleosa del prodotto con prodotti in soluzione acquosa.

Tempo Di Attesa

Non pertinente.

Specie Di Destinazione

Cani, gatti.

Interazioni

Poiche' la cabergolina esercita il suo effetto terapeutico in conseguenza di uno stimolo diretto dei recettori dopaminergici, il prodotto non deve essere somministrato unitamente a medicinali con attivita' antagonista della dopamina in quanto possono ridurre l'effetto antiprolattinico della cabergolina.

Gravidanza E Allattamento

L'indicazione del prodotto esclude il suo impiego durante la gravidanza e comunque va evitato in quanto puo' causare aborto. Il medicinale e' indicato per la soppressione della lattazione nella cagna e nella gatta; l'inibizione del rilascio di prolattina causa una rapida cessazione della secrezione lattea e conseguente riduzione del volume della mammella. Non impiegare in cagne o gatte in lattazione a meno che si renda necessaria l'interruzione della medesima.