Eulexin*30cpr 250mg Compresse

Principio attivo: Flutamide

Forma: Compresse

Fornitore: Schering Plough Spa *

Conservazione: AL RIPARO DALLA LUCE

Degrassi: Specialita' Medicinali Con Prescrizione Medica

Categoria merceologica: FARMACO ETICO

Confezione: BLISTER OPACO

Prodotto In Commercio

Eulexin*30cpr 250mg

Foglietto illustrativo - Bugiardino

Il foglietto illustrativo e la relativa posologia di questo prodotto sono indicazioni generali, soggette a cambiamenti. Vi consigliamo di rivolcervi sempre al vostro medico di cura per un utilizzo appropriato

Categoria Farmacoterapeutica

Antineoplastico: antiandrogeno non steroideo attivo per via orale.

Indicazioni

E' indicato: quale monoterapia (con o senza orchiectomia) o in associazione con un agonista LHRH, del carcinoma prostatico in stadio avanzato sia di pazienti non precedentemente sottoposti ad alcuna terapia specifica sia di quelli che non hanno risposto o che sono divenuti refrattari al trattamento ormonale; quale coadiuvante nella terapia radiantedel carcinoma prostatico localmente avanzato.

Controindicazioni/Eff.Secondar

Nei pazienti con ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Nessuno studio e' stato condotto in donne nel corso di gravidanza ed allattamento. Percio', si deve considerare l'eventualita' di danni fetali nel caso di somministrazione del prodotto a donne gravide o la sua presenza nel latte, durante l'allattamento.

Posologia

La dose raccomandata in monoterapia o in associazione, e' di 1 compressa da 250 mg tre volte al giorno. In combinazione con un LHRH-agonista, la somministrazione dei due farmaci puo' essere iniziata contemporaneamente oppure la somministrazione del prodotto puo' essere iniziata 24 ore prima dell'inizio della somministrazione di LHRH-agonista.

Interazioni

In pazienti sottoposti a trattamento contemporaneo con warfarin e flutamide si sono osservati incrementi del tempo di protrombina. Percio' e' consigliabile un monitoraggio del tempo di protrombina e puo' esserenecessario un aggiustamento della dose iniziale o di mantenimento dell'anticoagulante.

Effetti Indesiderati

Monoterapia. Le reazioni secondarie da flutamide piu' spesso segnalatesono ginecomastia e/o dolorabilita' mammaria, talora accompagnate dagalattorrea. Tali reazioni scompaiono in seguito all'interruzione deltrattamento o alla riduzione del dosaggio. La flutamide presenta scarsa attivita' sul sistema cardiovascolare e comunque una attivita' significativamente minore di quella osservata con trattamenti ormonali (DES). Reazioni secondarie meno frequentemente osservate sono: diarrea, nausea, vomito, aumento dell'appetito, insonnia, stanchezza, alterazionitransitorie della funzionalita' epatica ed epatite. Reazioni secondarie rare erano rappresentate da: diminuzione della libido, disturbi distomaco, pirosi gastrica, stipsi, dolore epigastrico, anoressia, costipazione, edema, ecchimosi, herpes zoster, prurito, sindrome simil lupoide, mal di capo, vertigini, debolezza, malessere, visione confusa, sete, dolore toracico, ansia, depressione, linfedema. Raramente e' statasegnalata riduzione della conta spermatica. Inoltre altri effetti segnalati dopo la commercializzazione del prodotto sono: anemia emolitica, anemia macrocitica, metaemoglobinemia, solfametaemoglobinemia, reazioni da fotosensibilizzazione (comprendenti eritema, ulcerazioni, eruzioni bollose e necrolisi epidermica), e modifiche del colore delle urine ad ambra o giallo-verde, che possono essere attribuite a flutamide e/o ai suoi metaboliti. Si sono osservati anche ittero colestatico, encefalopatia epatica, e necrosi epatica. Le condizioni epatiche erano usualmente reversibili dopo interruzione della terapia; tuttavia, sono pervenute segnalazioni di morte a seguito di grave insufficienza epatica associata all'uso di flutamide. I valori alterati dei tests di laboratorio comprendevano modifiche nella funzionalita' epatica, azoto ureico ematico (BUN) elevato e raramente valori aumentati di creatinina serica. Vi sono state due segnalazioni di neoplasie maligne del seno nell'uomo in pazienti in terapia con il prodotto. Una coinvolgeva l'aggravamento di un nodulo preesistente che era stato rilevato tre-quattro mesi prima dell'avvio della monoterapia con il prodotto in un pazientecon ipertrofia prostatica benigna. Dopo rimozione, questo fu diagnosticato quale carcinoma del dotto scarsamente differenziato. L'altra segnalazione coinvolgeva ginecomastia ed un nodulo rilevati rispettivamente due e sei mesi dopo l'avvio della monoterapia con il prodotto per iltrattamento del carcinoma prostatico in stadio avanzato. Dopo nove mesi dall'avvio della terapia il nodulo e' stato rimosso e diagnosticatoquale tumore invasivo del dotto moderatamente differenziato di stadioT4NOMO,G3, senza metastasi. In associazione con LHRH-agonisti gli effetti collaterali segnalati con maggior frequenza nel corso della terapia di associazione sono: vampate di calore, diminuzione della libido,impotenza, diarrea, nausea e vomito. Con l'eccezione della diarrea questi effetti collaterali si osservano nel corso di terapia con gli LHRH-agonisti in monoterapia, con una frequenza confrontabile. L'alta incidenza di ginecomastia osservata a seguito di trattamento con flutamidein monoterapia, veniva ridotta in modo marcato con l'associazione. Nel corso degli studi clinici non e' stata rilevata alcuna differenza significativa nell'incidenza di ginecomastia, tra i gruppi in trattamento con placebo e quelli in trattamento con flutamide LHRH-agonista. Raramente i pazienti manifestano: anemia, leucopenia, disturbi gastroenterici aspecifici, anoressia, segni di irritazione cutanea e rash al sito di iniezione, edema, sintomi neuromuscolari, ittero, sintomi genitourinari, ipertensione, effetti collaterali a carico del sistema nervosocentrale (depressione, sonnolenza, confusione, ansia, irritabilita')e trombocitopenia. Molto raramente si sono osservati sintomi polmonari, epatite e fotosensibilizzazione. Insufficienza epatica. La terapia con il prodotto non deve essere iniziata in pazienti con livelli di transaminasi sierica superiori a 2-3 volte il limite massimo accettabile.Test di funzionalita' epatica devono essere eseguiti su tutti i pazienti. Un appropriato screening deve essere eseguito mensilmente nei primi 4 mesi e quindi periodicamente, alla comparsa dei primi segni/sintomi di disfunzione epatica (es. prurito, urine scure, nausea, vomito, anoressia persistente, ittero, dolenzia del quadrante superiore destroo sintomi "flu-like" inspiegabili). Se il paziente presenta evidenza di laboratorio di insuff.epatica o di ittero, in assenza di metastasi confermate biopticamente, la terapia con il prodotto deve essere interrotta se il paziente presenta ittero o i livelli di transaminasi sierica superino di 2-3 volte il normale limite superiore, anche in pazientiasintomatici. Dopo somministrazione a lungo termine nei ratti, la flutamide ha provocato adenoma delle cellule testicolari interstiziali edincrementi dose-correlati di casi di adenoma o carcinoma delle cellule mammarie. L'importanza di questi reperti nell'uomo non e' nota. L'insufficienza epatica e' usualmente reversibile dopo interruzione dellaterapia ed in qualche paziente, dopo riduzione della posologia. Tuttavia ci sono state segnalazioni di morte conseguenti a grave insufficienza epatica associata all'uso di flutamide. Nel corso della terapia combinata Eulexin LHRH-agonista, devono essere tenuti presenti i possibili effetti collaterali di ciascun prodotto. Si puo' verificare ritenzione idrica, quindi il prodotto va usato con cautela in pazienti cardiopatici. Prima di iniziare il trattamento, i pazienti dovrebbero essereinformati circa la possibilita' di comparsa di disfunzione epatica. Avvertire il paziente di consultare il medico immediatamente in caso dicomparsa di sintomi di disfunzione epatica. Essi comprendono prurito cutaneo, urine scure (l'urina color ambra o giallo-verde non deve preoccupare), nausea, vomito, persistente inappetenza, colore giallo degliocchi o della cute, sensibilita' del lato superiore destro dell'addomeo sintomi simil-influenzali. L'uso del prodotto e' indicato solo neipazienti di sesso maschile. Il medicinale contiene lattosio quindi none' adatto per i soggetti con deficit di lattasi, galattosemia o sindrome da malassorbimento di glucosio/galattosio.

Consigli e commenti su Eulexin*30cpr 250mg

Domande e risposte su Eulexin

Il mio regno per un Nutrizionista/ Dietologo! In alternativa 10 punti puliti puliti!?

Fri, 17 Sep 2010 04:53:09 +0000

Salve a tutti/e, avrei bisogno di qualche risposta! Sono una ragazza di 24 anni, al momento rientro nella cosiddetta "Zona Normopeso", almeno da quanto dice il calcolo dell'Indice di Massa Corporea ( 24 per la precisione). Il mio problema è che non riesco a scendere..ma proprio per niente. Premetto che amo da morire i dolci e che sono vegetariana, pensando che il mio non-calo di peso dipendesse dalle schifezze stuzzicate durante la giornata, ho deciso di eliminarle ma purtroppo non è cambiato nulla... vi faccio un esempio di quello che mangio durante la giornata (NON sono a dieta) Mattina : 2 biscotti (orociock al cioccolato fondente) + un bicchiere di latte + uno yogurt Metà Mattino : una barretta alle prugne ( quelle Vitasnella per intenderci) oppure cornetto semplice/integrale Pranzo : generalmente verdure cotte, oppure insalate con mozzarella, mais e pomodoro Merenda (non la faccio sempre) : galletta di mais con cioccolato fondente sopra Cena : verdure o legumi di qualsiasi tipo, forma e dimensione Mangio raramente la pasta e praticamente niente pane. La sera faccio circa 60 minuti di step. Cosa mangio di sbagliato? Puo' esserci qualche altro fattore che influenza la non-perdita di peso? Non sono ipotiroidea, avevo il cortisolo alto ma sto risolvendo la questione prendendo delle pasticche ( Eulexin Flutamide). Grazie a chiunque abbia la cortesia di rispondere! @ Federica : putroppo lavorando non posso fare attività fisica al mattino, a meno che non decida di alzarmi alle 6...ma poi tutto il giorno davanti al pc non lo reggo :( Idem per il pranzo, mangiando in ufficio devo pensare a cose semplici da preparare e che non abbiano bisogno di essere scaldate ( non abbiamo un fornetto) Comunque grazie per la risposta, seguirò il tuo consiglio!