Casodex*28cpr Riv 50mg Compresse Rivestite

Principio attivo: Bicalutamide

Forma: Compresse Rivestite

Fornitore: Astrazeneca Spa *

Conservazione: NON CONSERVARE AL DI SOPRA DI +30 GRADI CENTIGRADI

Degrassi: Specialita' Medicinali Con Prescrizione Medica

Categoria merceologica: FARMACO ETICO

Confezione: BLISTER

Prodotto In Commercio

Casodex*28cpr Riv 50mg

Foglietto illustrativo - Bugiardino

Il foglietto illustrativo e la relativa posologia di questo prodotto sono indicazioni generali, soggette a cambiamenti. Vi consigliamo di rivolcervi sempre al vostro medico di cura per un utilizzo appropriato

Denominazione

CASODEX 50 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM

Categoria Farmacoterapeutica

Antiandrogeni.

Principi Attivi

Bicalutamide 50 mg.

Eccipienti

Lattosio monoidrato, carbossimetilamido sodico A, povidone, magnesio stearato, ipromellosa, macrogol 300, titanio diossido.

Indicazioni

Trattamento del carcinoma della prostata in fase avanzata in associazione con LHRH analoghi o castrazione chirurgica.

Controindicazioni/Eff.Secondar

E' controindicato nelle donne e nei bambini. Non deve essere somministrato ai pazienti che hanno mostrato reazioni d'ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti del prodotto. La somministrazione concomitante di terfenadina, astemizolo e cisapride conbicalutamide e' controindicata.

Posologia

Adulti di sesso maschile, compresi gli anziani: una compressa da 50 mguna volta al giorno. Il trattamento deve essere iniziato contemporaneamente al trattamento con gli LHRH analoghi o con la castrazione chirurgica. Pazienti affetti da insufficienza renale: non e' necessario alcun aggiustamento del dosaggio. Pazienti affetti da insufficienza epatica: non e' necessario alcun aggiustamento del dosaggio nei pazienti con insufficienza epatica lieve. Occorre particolare cautela nei pazienti con insufficienza epatica moderata o grave.

Conservazione

Conservare a temperatura non superiore ai 30 gradi C.

Avvertenze

Il medicinale e' ampiamente metabolizzato a livello epatico. I dati clinici indicano che la sua eliminazione puo' risultare rallentata nei soggetti affetti da insufficienza epatica grave; e questo potrebbe portare ad un aumentato accumulo di farmaco. Pertanto, bicalutamide deve essere usata con cautela in pazienti con insufficienza epatica da moderata a grave. In considerazione della possibilita' di cambiamenti dellafunzionalita' epatica sono consigliabili controlli periodici. Ci si aspetta che la maggioranza dei cambiamenti si verifichi entro i primi 6mesi di terapia con bicalutamide. Raramente con sono state osservategravi alterazioni epatiche ed insufficienza epatica e sono stati segnalati esiti fatali; in tali casi la terapia deve essere interrotta. Neipazienti che presentano una progressione obiettiva di malattia insieme ad elevati livelli di PSA, si deve prendere in considerazione l'interruzione della terapia con bicalutamide. Si e' osservata una riduzionedella tolleranza al glucosio in uomini in trattamento con agonisti dell'LHRH. Cio' si puo' manifestare sotto forma di diabete o di perditadel controllo glicemico in pazienti con diabete mellito pre-esistente.Si deve percio' prendere in considerazione il monitoraggio della glicemia nei pazienti in trattamento con il farmaco in associazione a LHRHanaloghi. La bicalutamide e' un inibitore del citocromo P450 (CYP 3A4), si raccomanda pertanto cautela quando somministrata in concomitanzaa farmaci metabolizzati prevalentemente dal CYP 3A4. I pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, deficienza di Lapp-lattasi o di malassorbimento di glucosio-galattosio non devono assumere questo farmaco.

Interazioni

Non c'e' evidenza di alcuna interazione farmacodinamica o farmacocinetica tra questo farmaco e gli analoghi LHRH. Negli studi in vitro e' stato dimostrato che l'enantiomero-R della bicalutamide e' un inibitoredel CYP 3A4 ed ha minori effetti inibitori sull'attivita' del CYP 2C9,2C19 e 2D6. Sebbene gli studi clinici che hanno utilizzato antipirinacome marcatore di attivita' del citocromo P450 (CYP) non abbiano mostrato alcuna evidenza di potenziale interazione con il medicinale, l'esposizione media al midazolam (AUC) e' aumentata fino all'80%, dopo lasomministrazione concomitante di bicalutamide per 28 giorni. Per i farmaci con un indice terapeutico stretto, un simile aumento potrebbe essere rilevante. Di conseguenza, l'uso concomitante di terfenadina, astemizolo e cisapride e' controindicato ed e' necessaria cautela quando si somministra bicalutamide in concomitanza a composti quali ciclosporina e bloccanti del canale del calcio. Per questi farmaci puo' essere necessaria una riduzione del dosaggio, in particolare in caso di effetti potenziati o avversi. Per la ciclosporina, si raccomanda di controllare strettamente le concentrazioni plasmatiche e le condizioni cliniche dopo l'inizio o l'interruzione della terapia. Quando si prescrive bicalutamide con altri farmaci che possono inibire l'ossidazione del farmaco, ad esempio cimetidina e ketoconazolo, in teoria, cio' potrebbe dar luogo ad un aumento delle concentrazioni plasmatiche di bicalutamide che teoricamente potrebbero portare ad un aumento degli effetti collaterali. Negli studi in vitro e' stato dimostrato che il medicinale e'in grado di spostare la warfarina, anticoagulante cumarinico, dal legame con le proteine. Pertanto, qualora il trattamento venga iniziato in pazienti che stanno gia' assumendo anticoagulanti cumarinici, si raccomanda di controllare attentamente il tempo di protrombina.

Effetti Indesiderati

Stima frequenze: molto comune (>=1/10), comune (>=1/100, <1/10), non comune (>=1/1000, <1/100),raro (>=1/10.000, <=1/1000), molto raro (<=1/10.000). Patologie del sistema emolinfopoietico. Molto comune: anemia.Disturbi del sistema immunitario. Non comune: ipersensibilita', angioedema, e orticaria. Disturbi del metabolismo e della nutrizione. Comune: diminuzione dell'appetito. Disturbi psichiatrici. Comune: diminuzione della libido, depressione. Patologie del sistema nervoso. Molto comune: capogiri; comune: sonnolenza. Patologie cardiache. Comune: infarto del miocardio (sono stati segnalati esiti fatali), insufficienza cardiaca; osservata in uno studio farmaco-epidemiologico di agonisti dell'LHRH e antiandrogeni utilizzati nel trattamento del carcinoma prostatico. Patologie vascolari. Molto comune: vampate di calore. Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche. Non comune: malattia interstiziale polmonare (sono stati segnalati esiti fatali); e' stata elencatacome reazione avversa al farmaco a seguito della revisione di dati dipost-commercializzazione. Patologie gastrointestinali. Molto comune: dolore addominale, costipazione, nausea; comune: dispepsia, flatulenza.Patologie epatobiliari. Comune: epatotossicita', ittero, ipertransaminasemia; le alterazioni a livello epatico sono raramente gravi e sonofrequentemente di natura transitoria; si risolvono o migliorano con ilproseguire della terapia o a seguito della sua interruzione. Raro: insufficienza epatica (sono stati segnalati esiti fatali); e' stata elencata come reazione avversa al farmaco a seguito della revisione di dati di post-commercializzazione. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo. Comune: alopecia, irsutismo/ricrescita dei capelli, eruzionecutanea, secchezza cutanea, prurito. Patologie renali e urinarie. Molto comune: ematuria. Patologie dell'apparato riproduttivo e della mammella. Molto comune: ginecomastia e tensione mammaria; comune: disfunzione erettile. Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede disomministrazione. Molto comune: astenia, edema; comune: dolore toracico. Esami diagnostici. Comune: peso aumentato.

Gravidanza E Allattamento

E' controindicato nelle donne e non deve essere somministrato in gravidanza e durante l'allattamento.

Consigli e commenti su Casodex*28cpr Riv 50mg

Domande e risposte su Casodex

Le pastiglie di casodex 50 si possono sospendere?

Sun, 03 Jan 2010 13:22:37 +0000

scusa ma gia so che pastigie sono,e i dott. mi dicono che! il radiologo ti deve dire! poi dice e il urologo ti deve dire e sono passati 8 mesi, credevo di sapere di piu. grazie a chi riponde.

Carcinoma prostatico con metastasi polmonari?

Thu, 11 Nov 2010 05:51:09 +0000

Ciao a tutti, mio padre, 81 anni, ha da 9 anni un carcinoma alla prostata per il quale ha fatto cicli di radioterapia e lo sta tenendo sotto controllo con il casotex (mi pare si chiami così). Per caso e per tutt'altri problemi ha fatto un ecografia all'addome, la quale ha evidenziato dei noduli di origine secondaria ai polmoni, molto piccoli ma numerosi. Sta facendo ulteriori approfondimenti, non è risultato niente né da altre eco all'addome, nè dalla colonscopia, soltanto la scintigrafia ossea sembra lasciare qualche dubbio, mentre l'ultima che ha fatto nel 2008 era negativa, ma la dott.ssa che lo segue dice che potrebbe trattarsi anche di artrosi e vuol fare altri accertamenti. La biopsia polmonare gli è stata sconsigliata, in quanto pratica piuttosto invasiva ed il medico sembra piuttosto convinto che si tratti di metastasi polmonari del carcinoma prostatico. Mio padre per il momento sta bene. Ora la domanda alla quale cerco risposta è banale ma la voglio fare lo stesso, che aspettativa di vita può avere una persona di questa età con questo quadro clinico? A giugno mi sposo (nonostante l'età di mio padre io ho 28 anni) e ci terrei davvero tanto che fosse lui ad accompagnarmi all'altare. Capisco che in questa situazione il mio matrimonio dovrebbe essere l'ultimo dei miei pensieri..Ma non so con chi parlarne..Grazie. Per Manlyo: Si, ho dimenticato di scrivere che successivamente all'eco ha fatto delle tac con contrasto se non sbaglio per indagare su questi noduli. Che sono piccoli ma numerosi. Si, mio padre è stato operato alla prostata 9 anni fa, ora io non so spiegarti con esattezza, per ipertrofia prostatica. Prima dell'intervento avevano fatto una biopsia alla prostata e non erano risultate cellule maligne, invece dall'esame istologico successivo all'intervento è stato scoperto che c'era il tumore. Successivamente a questo ha fatto la radioterapia. Con il casodex riesce a tenere i psa molto basso ma appena provano a farglielo sospendere rialza subito. Spero di essermi spiegata abbastanza. Per Carlo Zan: è probabile ci siano diversi errori, non sono medico ma magari se mi dicevi quali potevi aiutarmi a capire. Sicuramente un oncologo ne sa più di chiunque possa rispondermi sul web, ma credo tu abbia frainteso il senso della mia domanda.

Mio padre affettoda carcinoma prostatico con psa a2000 massimo market possibile da oltre 2 anni?

Tue, 07 Jan 2014 15:56:21 +0000

Al momento sono riscontrate metastasi ossee .Nove anni fa è stato trattato con enantone e casodex ma da circa 5 anni la terapia è stato stata sospesa perché il psa aumentava successivamente venne ordinata un ciclo di radioterapia che purtroppo non diede alcun risultato da 2 anni fa terapia di supporto : decapeptil una iniezione al mese e deltacortene 0,5 due volte al dì .Ha compiuto 90 anni ad Agosto . Ora la deambulazione si è ridotta e l' emoglobina ha un valore9,4 .Rifiuto la chemioterapia e vorremmo trattarlo con Zometa .Chi mi sa consigliare? Dimenticavo ha guidato un suv fino a venti giorni fa e questa estate andava ancora in bici.I medici sono stupefatti non hanno mai trattato un caso tanto anomalo.

Aiuto a mio padre hanno diagnosticato un carcinoma alla prostata, potete aiutarmi? : ((((?

Sat, 01 Mar 2008 11:21:29 +0000

il referto del medico scrive: carcinoma prostatico bilocale (per l' esattezza al posto di carcinoma c'è sritta una parola che non riesco a tradurre seguita da una lettera K) (t2c) g 3 g.5.7 si richiede scintigrafia ossea e prostatectomia radicale gli è stato prescritto di prendere un farmaco: Bicalutamide (Casodex®) per un mese prima dell' operazione

Informazioni sul psa altissimo?

Thu, 14 Jan 2010 01:40:03 +0000

come scritto ieri a mio padre è stato diagnosticato un tumore allla prostata con metastasi osse e presenza di cellule prostatiche tumorali nel midollo osseo. La diagnosi è scaturita dopo vari accertamenti: inizialmente è stato ricoverato per una sospetta leucemia in quanto i valori del sangue erano alterati,tanto da fare due trasfusioni per globuli rossi insufficienti ed emoglobina bassa, succesivamente è stato fatto un prelievo al midollo dove si sono evidenziate cellule prostatiche tumorali. A questo punto un ulteriore analisi del sangue ha evidenziato un psa pari a 545. spostato nel reparto di urologia è stato sottoposto ad un indagine rettale che ha evidenziato una prostata con tumore. Non hanno voluto fare nessuna biopsia. Per completare il quadro clinico gli hanno fatto anche una scintigrafia ossea che ha indicato metastasi ossee nella zona del bacino. La cura prescritta di conseguenza nel mese di settembre 09 era; 1 capsula di Casodex al dì; 1 iniezione trimestrale di Zometa. Dopo 2 mesi dall'inizio della cura i medici hanno deciso di sottoporlo anche a delle flebo mensile di un farmaco di cui non sò il nome che serve alla calcificazione delle ossa.per iniziare questa cura sono stati ripetuti gli esami del sangue e meraviglia il psa era sceso ad un valore di 1.12 (controllato per altre tre volte per paura di un errore) anche i valori del sangue si erano quasi totalmente sistemati! nel frattempo la forma fisica di mio padre è tornata eccellente,( è un grande sportivo). essendo richiesti mensilmente gli esami del sangue e del psa per la flebo mensile a novembre psa 1.8 a dicembre 6.4 a gennaio 37! ora mi dicono che la cura non fà più effetto e provano a sostituirgli la capsula di Casodex con Deltacortene 50mg 10 giorni sì e 10 no! La mia domanda nasce dal fatto che i medici si dimostrano esterefatti dalle reazioni sia positive che negative di questo iter dicendomi che è un caso del tutto inusuale. C'è qualcuno che ha sentito di qualche caso simile? Avete qualche consiglio da darmi? una cosa che non ho ancora detto che la malattia è asintomatica ed anche questo è un fatto che lascia perplessi i medici. vi ringrazio

Tumore alla prostata?

Thu, 07 Oct 2010 05:28:30 +0000

Ciao a tutti...ogni volta mi ritrovo qua x chiedervi consulto...ma anche x dare nel mio poco qualche consiglio..A Mio padre a febbraio è stato diagnosticato un tumore alla prostata ....con valore PSA 2000....dalle ultime analisi è sceso a 15...questi ultimi giorni sta lamentando dolori atroci... e il medico ci ha richiesto,dopo l'ecografia addome completo e pelvi,un'ecografia tranrettale.Ecco il referto: IN SEDE PELVICA DESTRA A RIDOSSO DEL MARGINE VESCICALE è APPREZZABILE UNA FORMAZIONE ESPANSIVA DELLE DIMENSIONI DI 3CM....CON PROFILI BENE DELINATI A STRUTTURA DISOMOGENEA CON IPERECOGENICITà CENTRALI E PATTERN VASCOLARE DI TIPO 3 ALL'ESAME ECO-COLOR. DETERMINA MODIFICA IMPRONTA SULLA PARETE DI X DELLA VESCICA; PUO ESSERE COMPATIBILE CON VOLUMINOSA ADENOPATIA. L'INDAGINE X VIA TRANSRETTALE MOSTRA UNA PROSTATA MARCATAMENTE INGRANDITA CON VOLUME MEDIO DI CIRCA 71 ML,PESO CIRCA 75G.L'ECOSTRUTTURA APPARE MARCATAMENTE DISOMOGENEA NELLA PROSTATA CENTRALE CON EVIDENZA DI VOLUMINOSI NODULI IPOECOGENI COME NELLA CONDIZIONE DI IPERTROFIA ADENOMIOMATOSA. IPERTROFIA DEL LOBO MEDIO CHE SOLLEVA IL PAVIMENTO VESCICALE. PROSTATA CENTRALE MARCATAMENTE DISOMOGENEA IN PARTICOLARE SUL PROFILO SX è APPREZZABILE UN VOLUMINOSO NODULO DI OLTRE 2 CM CHE BOZZA IL PROFILO CAPSULARE SPORGE VERSO IL PIANO VESCICOLARE LA PARETE RETTALE CON SEGNI DI SCOMPAGINAMENTO DEI PIANI DI CLIVAGGIO COME X VEROSIMILE INFILTRAZIONE. REPERTO COMPATIBILE CON NEOFORMAZIONE PROSTATICA INFILTRANTE... potete spiegarmi....FA LA SEGUENTE TERAPIA: ENANTONE CASODEX

Perchè il "delirium tremens" non vuole commentare il ruolo di retinoidi e melatonina?

Sat, 14 Apr 2012 12:12:11 +0000

conntinuando il suo stucchevole postare effetti collaterali della SOLA SOMATOSTATINA? 1) lo fa perchè è stupido e non legge le domande 2) lo fa perchè lo pagano per battere il chiodo sulla somatostatina 3) lo fa perchè odia la somatostatina in quanto consumatore di GH 4) non commenta gli altri farmaci perchè non li conosce 5) non commenta gli altri farmaci perchè mettono in crisi il suo impianto di "nessuna base scientifica dell'MDB) 6) non commenta perchè dovrebbe scrivere di suo pugno anziche fare copia incolla @gli effetti collaterali delle somatostatina LI HA LEI e non si verificano con i dosaggi dell'MDB - RISPONDA sull'angiogenesi inibita dalla somatostatina - l'ISTITUTO TUMORI di Genova cos'è? la dottoressa Albini è una altra deficente come noi? C A F O N E - la platea di yahoo ha imparato a conoscerla a dosare la sua pochezza e DISERTA le sue domandine stupide a cui ci ha inibito rispondere - le hanno risposto i MEDICI qui presenti invitandola ad abbassare il chiodo perchè sta pensando e scrivendo idiozie ma a quanto pare Lei è della parrocchia che chi GRIDA di PIU' e insulta con più veemenza l'avversario è colui che ha ragione - la BIOLOGIA lei la frequenta poco e su input di chi le paga lo stipendio - la sua mente ERRA ma c'è un motivo farmacologico e di ereditarietà legato a questo aspetto @@effettivamente il delirium inanella una altra delle sue proverbiali e COLOSSALI FALSIFICAZIONI - il biologo nobel per la somatostatina Schally la sta indagando in SENSO antitumorale da anni - un altro premio nobel BIOLOGO - CHIMICO che risponde al nome di LINUS PAULING (di nobel ne prese addiriuttura due ) disse e scrisse quallo che scrisse relativamente ad un altro dei componenti il MDB: la vitamina C , e ne scrisse in senso antitumorale .... ma qui è evidente che si sta speculando su un effetto collaterale per ABBATTERE e DELEGITTIMARE un Metodo che non è SOLO SOMATOSTATINA - infatti la domanda è sugli altri componenti .... ma vedete bene come si finisce - La moderazioen di yahoo è ESODATA a quanto pare e le risposte fuori tema ormai non si contano più e non serve nemmeno più segnalarle - penso che mi trasferirò in qualche posto un po piu' SERIO - @ò@ Silvia Rossi-la-solita-acredine: ma cara Silvia, a giudicare dalla migliori risposte che gli utenti mi accordano si direbbe che l'opinione che hanno di me non corrisponde a ciò che lei immagina - è bello vedere il nome di un genio della medicina là in alto - anche il nick odierno di Manlyo è molto significativo e sta bene sotto il mio -

Se ce qualche medico........?

Fri, 01 Oct 2010 14:47:03 +0000

Ciao a tutti....purtroppo questa sezione è diventata familiare da qdo a mio padre è stato diagnosticato un tumore alla prostata...e ogni volta mi rivolgo a voi per chiedervi risposte,sxando che a rispondermi sia quache medico...Qualche volta mi ritrovo anche io a dare risposte...che cercano di infondere almeno un pò Conforto,Coraggio ...perche chi vive una situzione del genere ne ha bisogno,al di la che nn si conosca.... A febbraio a mio padre è stato diagnosticato un tumore alla prostata ,con valore PSA pari a 2000...Sisi proprio 2000...ha iniziato la cura oromonale( Casodex....e un'altra che ora non mi viene in mente)e dalle ultime analisi il valore è sceso a 15....Gli hanno richiesto anche un ecografia addome completo,Questo è il referto: Fegato: aumentato di dimensioni (cm 15,7 diam.long lobo dx) ad ecostruttura difusamente e iperrifletente.Non evidente lesioni focali ad eccezzione di una formazione cistica di mm 17,9 ne iv segmento. Colecisti: dismorfica con pareti normali con piccolo calcolo nel lume Vescica: ditesa con pareti ispessite in particolare nel pavimento dove non si evidenzia un sicuro piano di clivaggio con la prostata. Prostata: aumentata di dimensioni(mm 35x50) ad ecostruttura diffusamnet ed intensamente disomogenea.Lateralmente alla vescica , a dx presenza della nota formazione ipoecogene tondeggianti di mm 35 di dima. contenente arree disomogeneamnte iperecogenee. Non evidenziate quelle i sede paraortica sn Se ce qualche medico..Il fegato mi desta qualche ulteriore preoccupazione oltre all'altro.. Grz

Informazioni tumore prostata?

Wed, 16 Jun 2010 09:04:17 +0000

Ciao ..a tutti,tempo fa ho scritto raccontandovi la mia situazione: a mio padre è stato diagnosticato un tumore alla prostata con valore di psa pari a 2002...( il medico di famiglia non lo aveva capito che significava un valore cosi alto)...ha fatto una scintigrafia ossea ed è risultato esserci secondarismi ossei..dopo questo l'oncologo ci ha chiesto di fare delle rx mirate....e queste hanno rilevato molta artite...noi pensavamo che dovesse iniziare un ciclo di chemio...ma l'oncologo ha detto di no...cmq sono passati tre mesi dall'inizio della cura....a basa di enantone casodex...oggi ho ritirato le analisi e il PSA è a 35.50..molto alto ancora ma rispetto a 2002...il Psa Libero è a 2.69 rispetto a 123.65 dell'altra volta...ditemi voi. Grazie in anticipo