Sinemet*50cpr 100mg+25mg COMPRESSE

Sinemet*50cpr 100mg+25mg Principio attivo: LEVODOPA/CARBIDOPA
Forma: COMPRESSE
Fornitore: MERCK SHARP & DOHME SPA *
Conservazione: AL RIPARO DALLA LUCE
Degrassi: SPECIALITA' MEDICINALI CON PRESCRIZIONE MEDICA
Categoria merceologica: FARMACO ETICO

Cerca nella cartina dove trovare questo prodotto

Foglietto illustrativo Sinemet*50cpr 100mg+25mg

Il e la relativa posologia di questo prodotto sono indicazioni generali, soggette a cambiamenti.
.
.


DENOMINAZIONE
SINEMET
CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA
Sostanze dopaminergiche.
PRINCIPI ATTIVI
Levodopa e carbidopa anidra.
ECCIPIENTI
Compresse 250 mg + 25 mg: cellulosa microcristallina, amido di mais, magnesio stearato, amido pregelatinizzato e indigotina E132. Compresse100 mg + 25 mg: cellulosa microcristallina, amido pregelatinizzato, amido di mais, magnesio stearato, giallo di chinolina E104.
INDICAZIONI
Trattamento della malattia di Parkinson e la sindrome parkinsoniana; il farmaco e' utile nell'alleviare molti sintomi del parkinsonismo, soprattutto la rigidita' e la bradicinesia; trattamento del tremore, disfagia, scialorrea e instabilita' posturale, associati con la malattia ela sindrome di Parkinson. Allorche' la risposta terapeutica alla levodopa da sola sia irregolare ed i segni e sintomi della malattia di Parkinson non vengano uniformemente controllati durante la giornata, la sostituzione con il farmaco compresse normalmente e' efficace nel ridurre le fluttuazioni della risposta. Riducendo alcuni effetti indesiderati della levodopa da sola, il farmaco compresse fa si' che un maggiornumero di pazienti ottenga un adeguato sollievo dai sintomi della malattia di Parkinson. Il medicinale in compresse e' indicato per i pazienti con malattia e sindrome di Parkinson ai quali vengono somministratepreparazioni vitaminiche contenenti piridossina.
CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR
Ipersensibilita' ai principi attivi (levodopa e carbidopa) o ad uno qualsiasi degli eccipienti, nel glaucoma ad angolo stretto e nella faseacuta dell'infarto del miocardio. Poiche' la levodopa puo' attivare unmelanoma maligno, non deve essere usata in pazienti con lesioni cutanee sospette non diagnosticate o con un'anamnesi di melanoma. Inibitoridelle monoaminossidasi (eccetto bassi dosaggi di inibitori selettividelle monoaminossidasi B) e il farmaco compresse non devono essere co-somministrati e la terapia con questi inibitori deve essere interrottaalmeno due settimane prima dell'inizio della terapia con il medicinale in compresse. Il prodotto non deve essere somministrato nei pazientidi eta' inferiore ai 18 anni, in corso di gravidanza e durante l'allattamento.
POSOLOGIA
Il prodotto, associazione di carbidopa e levodopa, viene fornito sottoforma di compresse divisibili. La compressa da 250 mg + 25 mg compresse contiene 250 mg di levodopa e 25 mg di carbidopa anidra (rapporto di 10:1); la compressa da 100 mg + 25 mg compresse contiene 100 mg di levodopa e 25 mg di carbidopa (rapporto di 4:1). Compresse delle due presentazioni possono essere somministrate separatamente o congiuntamente a seconda delle necessita' per il raggiungimento del dosaggio ottimale. Ogni compressa puo' essere dimezzata con uno sforzo minimo. Considerazioni generali: il dosaggio deve essere titolato secondo le necessita' individuali del paziente e cio' puo' richiedere un aggiustamento sia della dose individuale che della frequenza di somministrazione. Disolito dosi pienamente efficaci vengono raggiunte entro 7 giorni. Alcuni studi mostrano che la dopa-decarbossilasi periferica viene saturatadalla carbidopa con una dose di circa 70-100 mg/die. E' piu' probabile che i pazienti che ricevono dosi inferiori di carbidopa presentino nausea e vomito. Dato che si hanno risposte sia terapeutiche che indesiderate piu' rapidamente somministrando il medicinale che somministrando levodopa, i pazienti devono essere seguiti attentamente durante il periodo di aggiustamento della dose. Specificamente i movimenti involontari si presentano piu' rapidamente con il farmaco che con levodopa. L'insorgenza di movimenti involontari puo' richiedere una riduzione deldosaggio in alcuni pazienti, il blefarospasmo puo' essere un utile segno precoce di dosaggio eccessivo. In caso di anestesia generale, il medicinale puo' essere continuato finche' al paziente e' permesso di prendere liquidi e medicine per bocca. Se la terapia viene interrotta temporaneamente, il dosaggio abituale giornaliero puo' essere somministrato appena il paziente e' in grado di assumere medicine per via orale.Pazienti che non siano in trattamento con levodopa: il dosaggio iniziale ottimale e' di una compressa tre volte al giorno, schema posologico che fa assumere al paziente 75 mg di carbidopa al giorno. La posologia puo' essere aumentata di una compressa al giorno, o a giorni alterni, come necessario, fino ad ottenere un dosaggio equivalente a otto compresse di farmaco 100 mg + 25 mg compresse. La dose usuale iniziale e' mezza compressa una o due volte al giorno aumentando, se necessario,mezza compressa al giorno o a giorni alterni fino a che si ottenga una risposta ottimale. Pazienti in trattamento con levodopa: la levodopadeve essere interrotta almeno 12 ore prima di iniziare la terapia conil farmaco (24 ore per la levodopa in formulazioni ritardo). Deve essere preso in considerazione un dosaggio giornaliero del medicinale chefornisca il 20% della precedente dose giornaliera di levodopa. Pazienti che stiano assumendo meno di 1500 mg di levodopa al giorno, devonoiniziare con una compressa tre o quattro volte al giorno. Il dosaggioiniziale suggerito per la maggior parte di pazienti che assumevano piu' di 1500 mg di levodopa e' di una compressa tre o quattro volte al giorno (per esempio, se il paziente riceveva 4 g di levodopa/al giorno,la posologia non deve superare le 3 compresse al giorno). Terapia di mantenimento: la maggior parte dei pazienti puo' essere mantenuta ad una posologia da 3 a 6 compresse al giorno; nessun paziente deve ricevere piu' di 8 compresse al giorno. Non si ottiene alcun vantaggio aumentando la dose di carbidopa oltre quella fornita da 8 compresse. Per un'inibizione ottimale della decarbossilazione extracerebrale della levodopa, dovrebbero essere assunti almeno dai 70 ai 100 mg di carbidopa algiorno. Vi e' una limitata esperienza circa una posologia giornalieradi carbidopa superiore ai 200 mg. Qualche paziente puo' aver bisognodi un'ulteriore dose di levodopa. I risultati ottenuti indicano che gli altri farmaci antiparkinsoniani (eccetto la levodopa) possono esserecontinuati sebbene possa essere necessario modificare la posologia.
CONSERVAZIONE
Conservare nella confezione originale per riparare il prodotto dalla luce.
AVVERTENZE
Il medicinale puo' essere somministrato a pazienti gia' in trattamentocon sola levodopa; tuttavia la levodopa da sola deve essere sospesa almeno 12 ore prima che venga iniziata la terapia con il farmaco. Somministrare il prodotto ad una dose che fornisca circa il 20% della precedente dose di levodopa. I pazienti in trattamento con il farmaco dovranno assolutamente evitare di assumere dosi addizionali di levodopa, ameno che non siano state prescritte. Il medicinale non e' raccomandatoper il trattamento di reazioni extrapiramidali farmaco-indotte. I pazienti con psicosi in atto o all'anamnesi devono essere trattati con cautela. Il medicinale puo' causare movimenti involontari e disturbi mentali. Pazienti con una storia di gravi movimenti involontari o episodipsicotici quando trattati con sola levodopa devono essere osservati attentamente quando ad essa si sostituisca al farmaco. Si pensa che queste reazioni siano dovute ad un aumento della dopamina cerebrale dopola somministrazione di levodopa; di conseguenza, l'impiego del prodotto puo' causare una ricaduta. Tutti i pazienti devono essere attentamente controllati per lo sviluppo di modificazioni mentali, depressione con tendenza al suicidio o altri gravi comportamenti antisociali. La piu' rapida comparsa di elevati livelli di dopamina che si ottengono conla terapia con il farmaco in confronto a quella con la sola levodopapuo' dare luogo a precoci discinesie. Tali disturbi richiedono una riduzione del dosaggio. Il farmaco deve essere somministrato con cautelaa pazienti con grave malattia cardiovascolare o polmonare, asma bronchiale, malattia renale, epatica o endocrina. Deve essere posta attenzione nel somministrare il prodotto a pazienti con storia di infarto delmiocardio che presentino residue aritmie atriali, nodali o ventricolari. In tali pazienti, la funzione cardiaca deve essere controllata conparticolare attenzione durante il periodo di aggiustamento iniziale del dosaggio. Come con la levodopa, esiste la possibilita' di emorragiadel tratto gastrointestinale superiore in pazienti con una storia di ulcera peptica. Quando farmaci antiparkinsoniani sono stati sospesi bruscamente e' stata riportata una complessa sintomatologia simile alla sindrome neurolettica maligna che si manifesta con rigidita' muscolare,temperatura corporea elevata, modificazioni mentali ed aumento dellacreatininfosfochinasi sierica. Quindi i pazienti devono essere tenutisotto stretta osservazione quando il dosaggio del farmaco viene ridotto bruscamente o sospeso, specie se il paziente sta ricevendo neurolettici. I pazienti con una storia di convulsioni devono essere trattati con cautela. Il trattamento con levodopa-carbidopa e' stato associato asonnolenza e ad episodi di attacchi di sonno improvviso, in qualche caso senza consapevolezza e senza segni premonitori. I pazienti in trattamento con il prodotto devono essere informati di queste eventualita'e avvertiti di usare cautela durante la guida o l'uso di macchinari.I pazienti che hanno manifestato episodi di sonnolenza e/o un episodiodi sonno improvviso devono astenersi dalla guida e dall'uso di macchinari. Inoltre puo' essere presa in considerazione una riduzione del dosaggio o l'interruzione della terapia. Come per la levodopa, in caso di trattamenti prolungati e' opportuno praticare periodici esami dellaformula ematica e della funzionalita' epatica, renale e cardiocircolatoria. I pazienti con glaucoma cronico ad angolo aperto possono esseretrattati con cautela con il medicinale, purche' la pressione endoculare sia ben compensata ed il paziente venga controllato attentamente durante la terapia. Melanoma: studi epidemiologici hanno mostrato che pazienti con malattia di Parkinson sono a piu' alto rischio di sviluppareun melanoma (da 2 a circa 6 volte maggiore) rispetto alla popolazionegenerale. Non e' chiaro se il maggior rischio osservato sia dovuto alla malattia di Parkinson o ad altri fattori, quali l'uso di farmaci per trattare la malattia stessa. Per le ragioni sopra esposte, si raccomanda a pazienti ed operatori sanitari di effettuare frequentemente e con regolarita' monitoraggi per la prevenzione di melanomi quando si usa il farmaco per qualsiasi indicazione. Idealmente, devono essere effettuate visite periodiche della pelle da parte di personale qualificato(es. dermatologi). Disturbi del controllo degli impulsi: i pazienti devono essere regolarmente monitorati per lo sviluppo di disturbi del controllo degli impulsi. I pazienti e coloro che si prendono cura dei pazienti devono essere consapevoli che i sintomi comportamentali del disturbo del controllo degli impulsi incluso gioco d'azzardo patologico,aumento della libido, ipersessualita', shopping compulsivo o spesa eccessiva, bulimia e impulso incontrollato ad alimentarsi, possono verificarsi in pazienti trattati con agonisti della dopamina e/o con altritrattamenti dopaminergici contenenti levodopa. Se si sviluppano tali sintomi, si raccomanda una rivalutazione del trattamento. Alterazioni dei test di laboratorio comprendono: aumenti delle SGOT, della SGPT, della LDH, della bilirubina, della fosfatasi alcalina, nonche' aumenti dell'azotemia, della creatinina, dell'acido urico e positivita' al testdi Coombs. L'anemia emolitica e' estremamente rara. Sono stati riportati: diminuzione dell'emoglobina e dell'ematocrito, aumento del glucosio sierico e dei globuli bianchi e presenza di sangue e batteri nelleurine.
INTERAZIONI
Si deve porre attenzione quando i seguenti farmaci vengono somministrati in concomitanza al farmaco. Antipertensivi: si puo' verificare ipotensione posturale sintomatica quando il medicinale e' somministrato aun paziente gia' in trattamento con farmaci antipertensivi. Quindi, quando si inizia la terapia con il farmaco, puo' essere richiesto un aggiustamento del dosaggio del farmaco antipertensivo. Raramente sono state segnalate reazioni indesiderate, comprendenti ipertensione e discinesia, derivanti dall'uso concomitante di antidepressivi triciclici e il farmaco. Ferro: gli studi dimostrano una riduzione della biodisponibilita' della carbidopa e/o levodopa quando viene ingerita con solfatoferroso o gluconato ferroso. Altri farmaci Le fenotiazine e i butirrofenoni possono ridurre gli effetti terapeutici della levodopa. Inoltre,e' stato riportato che gli effetti terapeutici della levodopa nella malattia di Parkinson sono annullati dalla fenitoina e dalla papaverina. I pazienti che prendono questi farmaci con il prodotto devono essereattentamente controllati in relazione ad un'eventuale perdita della risposta terapeutica. Dato che la levodopa compete con certi aminoacidi, il suo assorbimento puo' essere compromesso in alcuni pazienti ad elevata dieta proteica. Inibitori delle monoaminossidasi (eccetto bassidosaggi di inibitori selettivi delle monoaminossidasi B) e sinemet compresse non devono essere somministrati e la terapia con questi inibitori deve essere interrotta almeno due settimane prima dell'inizio dellaterapia con il medicinale.
EFFETTI INDESIDERATI
Gli effetti indesiderati che possono riscontrarsi frequentemente in pazienti trattati con il farmaco sono quelli dovuti all'attivita' centrale neurofarmacologica della dopamina. Questi effetti, di solito, possono essere diminuiti mediante la riduzione della posologia. I piu' comuni effetti indesiderati sono: discinesie, inclusi movimenti coreiformi, distonici ed altri movimenti involontari e nausea. Spasmo muscolaree blefarospasmo possono essere considerati come sintomi premonitori per decidere una riduzione della posologia. Altri effetti indesiderati riportati negli studi clinici o durante l'esperienza post-marketing. Organismo in generale: sincope, dolore toracico, anoressia. Patologie cardiovascolari: irregolarita' cardiache e/o palpitazione, effetti ortostatici inclusi episodi ipotensivi, ipertensione, flebite. Patologie gastrointestinali: vomito, emorragia gastrointestinale, sviluppo di ulcera duodenale, diarrea, saliva scura. Patologie ematologiche: leucopenia, anemia emolitica e non emolitica, trombocitopenia, agranulocitosi.Ipersensibilita': angioedema, orticaria, prurito, porpora di Henoch-Schonlein. Patologie del sistema nervoso/Disturbi psichiatrici: sindromeneurolettica maligna, episodi di bradicinesia (il fenomeno on-off), capogiro, sonnolenza inclusa molto raramente eccessiva sonnolenza diurna e episodi di attacchi di sonno improvviso, parestesia, episodi psicotici incluse delusioni, allucinazioni e ideazione paranoide, depressione con e senza sviluppo di tendenze al suicidio, demenza, disturbi dell'attivita' onirica, agitazione, confusione. Disturbi del controllo degli impulsi: gioco d'azzardo patologico, aumento della libido, ipersessualita', shopping compulsivo o spesa eccessiva, bulimia e impulso incontrollato ad alimentarsi, possono verificarsi in pazienti trattati con agonisti della dopamina e/o con altri trattamenti dopaminergici contenenti levodopa. Patologie respiratorie: dispnea. Patologie della cute: alopecia, rash, sudore scuro. Patologie urogenitali: urina scura. Raramente sono state osservate convulsioni; non e' tuttavia dimostrata una correlazione causale con il farmaco. Esami diagnostici: alterazioniin vari test di laboratorio si sono verificate con preparazioni a base di carbidopa-levodopa e possono verificarsi con il medicinale. Queste alterazioni comprendono aumenti dei valori dei test di funzionalita'epatica quali fosfatasi alcalina, SGOT (AST), SGPT (ALT), LDH, bilirubina, azotemia, creatinina, acido urico e test di Coombs positivo. Sono stati riportati: diminuzione dell'emoglobina e dell'ematocrito, iperglicemia, leucocitosi, presenza di batteri e sangue nelle urine. Preparazioni a base di carbidopa-levodopa possono causare una reazione di falsa positivita' per i corpi chetonici urinari quando si utilizza un test con striscia reattiva per la determinazione della chetonuria. Questa reazione non verra' alterata dalla bollitura del campione urinario.Si possono avere test di falsa negativita' quando si utilizzano metodiche della glucosio-ossidasi per la ricerca del glucosio nelle urine.Patologie gastrointestinali: dispepsia, secchezza delle fauci, alterazioni del gusto, scialorrea, disfagia, bruxismo, singhiozzo, disturbo edolore addominale, stipsi, flatulenza, sensazione di bruciore della lingua. Disturbi del metabolismo e della nutrizione: riduzione o aumento di peso, edema. Patologie del sistema nervoso/Disturbi psichiatrici:astenia, diminuzione dell'acuita' mentale, disorientamento, atassia,intorpidimento, aumento del tremore delle mani, crampi muscolari, trisma, attivazione di una sindrome di Horner latente, insonnia, ansieta',euforia, facilita' a cadere e anomalie dell'andatura. Patologie dellacute: vampate, sudorazione aumentata. Organi di senso: diplopia, visione offuscata, pupille dilatate, crisi oculogire. Patologie urogenitali: ritenzione urinaria, incontinenza urinaria, priapismo. Miscellanea:debolezza, svenimento, stanchezza, cefalea, raucedine, malessere, vampate di calore, senso di eccitazione, ritmo respiratorio irregolare, melanoma maligno.
GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO
Il medicinale non deve essere somministrato in gravidanza, in presuntagravidanza o durante l'allattamento.


Cerca nelle nostre farmacie